Tutti gli articoli di Libreria Controvento

“La cura dello sguardo” laboratorio per insegnanti

Laboratorio per insegnanti di ogni ordine e grado, dal nido alla scuola secondaria di secondo grado.
Saremo accolti dall’ombra del Parco delle Terme di Telese nella Sala Goccioloni, esploreremo insieme forme, colori e immagini negli albi illustrati per dare una nuova prospettiva al nostro sguardo sul mondo, sulla scuola, su noi stessi.
QUANDO: sabato 25 giugno ore 17
DOVE: Sala Goccioloni, Parco delle Terme di Telese
COSTO: € 30 anche con carta del docente, l’intero importo sarà convertito in buono libri da spendere sugli albi illustrati.
ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE: su richiesta
ISCRIZIONI: in libreria o tramite whatsapp al 3273338694

Facebooktwitterpinteresttumblrmail

Diario di Michela, giurata del premio “Storia più importante” al festival “Storie in Cammino” Firenzuola

Anche quest’anno Controvento partecipa al festivalStorie in Cammino” organizzato da Qualcunoconcuicorrere che si terrà a Firenzuola -FI- il 3 settembre
A marzo è uscita la cinquina dei libri finalisti al premio Storia più importante” e in questi giorni le ragazze del nostro gruppo di lettura hanno iniziato a incontrarsi per leggere, valutare e dibattere e scegliere il libro preferito.
Insieme ad altri gruppi di lettura sparsi in tutta Italia sceglieranno e voteranno il libro preferito della cinquina.

E’ la seconda volta che partecipiamo, nella passata edizione Michela F. che partecipa al gruppo di lettura è andata al festival a Firenzuola come portavoce.
Quello che segue è il suo racconto.

21 giugno 2021

Mi chiamo Michela Maria Franco ho tredici anni e faccio parte del gruppo di lettura della libreria Controvento.
Oggi, sono andata al parco delle Terme di Telese all’ultimo incontro del gruppo di lettura dei libri finalisti del festival “Storie in cammino”. La location è il prato antistante il teatro. È piacevole stare all’aperto poiché le giornate si sono allungate. Dopo un lungo periodo di incontri in via telematica non mi sembrava vero poter finalmente partecipare in presenza.
Nell’ambito della riunione, è avvenuta la votazione del libro, scelto per partecipare al festival di Firenzuola. Abbiamo votato: “Non è colpa della pioggia” di Linda Mullay Hunt, Uovonero.
Questo libro ci è piaciuto particolarmente per i temi affrontati: l’amore, l’amicizia, il bullismo, la famiglia e la perdita. La scrittura e i personaggi descritti caratterialmente in modo dettagliato.
Con mia grande sorpresa sono stata eletta referente del gruppo di lettura, parteciperò al festival insieme ai portavoce di tanti gruppi di lettura da tutta Italia.
Percorrendo la strada verso casa ripensavo alla mia nomina e alla felicità del momento si sostituiva un’ansia nel dover svolgere il compito assegnatomi .

25 luglio 2021

Stamattina, nell’aprire la mia casella di posta elettronica trovo un’email da parte degli organizzatori del Festival: un invito a intervenire alla riunione online che si terrà domani.
Durante la riunione è stato stabilito, insieme a tutti i portavoce, che cosa dire e quando intervenire.
L’agitazione è tanta, ma non vedo l’ora di partecipare.
I miei mi guardano con occhi esterrefatti e increduli non sanno cosa dire, decidono comunque di accompagnarmi visto che sono ancora piccola.

04 settembre 2021

Oggi è quattro settembre, è arrivato il momento di partire. Ho trascorso una nottataccia: non riuscivo a prendere sonno, una serie di incubi si alternavano a momenti di riposo.
Dopo una notte insonne ho deciso di svegliarmi di buon mattino anticipando così la sveglia poiché il sonno ormai mi aveva abbandonata; mi sono alzata velocemente, preoccupata, ma soprattutto agitata di non riuscire ad arrivare in tempo e di dare così un’impressione sbagliata di me e di perdermi questa nuova esperienza..
Ho fatto da sveglia a tutta la famiglia, ci siamo preparati rapidamente e siamo usciti di casa verso le cinque.
Ora sono in viaggio e ho un solo pensiero:
“Sono la persona adatta per questo incarico?”
“Come sarà organizzato il Festival?”
“Mi piacerà?”
Beh… a tutte queste domande non so dare una risposta, ma spero di divertirmi.
Dopo tante ore di viaggio finalmente imbocchiamo la stradina che porta al paese; scesi nella piccola piazzetta subito siamo stati avvolti da un piacevole silenzio intervallato solo dal cinguettio di qualche uccellino e dal latrato di un cane che proveniva da qualche giardino.
Il paesino, di solo 4000 anime, è arroccato su una collina nel cuore dell’alto Mugello, circondato da immensi parchi. Distrutto durante la Seconda Guerra Mondiale e ricostruito nel dopoguerra presenta case di stile moderno.
Sono stata accolta da alcuni ragazzi che mi hanno spiegato il programma dell’evento ”In cammino con le storie- trekking” i cui protagonisti sarebbero stati Silvia Vecchini, Sualzo e Alessandro Q. Ferrari. Alle tredici era previsto il trekking tra le montagne dell’alto Mugello, ma una pioggerellina leggera e insistente ha fatto cambiare il programma a tutti, rimandando il trekking e spostando l’evento in una delle chiese del paese.
La chiesetta è poco distante dalla piazza, di stile moderno, piccola, ma molto accogliente.
Dopo i consueti convenevoli, gli organizzatori hanno dato la parola al moderatore Matteo Biagi che ha dato inizio a un dibattito molto coinvolgente. Il momento più bello e più emozionante è stato quando si sono alternati gli autori dei vari libri che hanno motivato le scelte degli argomenti trattati nei loro testi.
Fuori dalla chiesetta, ho avuto modo di intrattenermi con i quattro autori dei libri, è stato uno dei momenti più belli ed emozionanti della giornata.
Nel tardo pomeriggio abbiamo fatto una prova generale per l’evento con la partecipazione dei gruppi di lettura: regnava un clima di tensione. Noi ragazzi cercavamo di rincuorarci a vicenda.
Prima della premiazione siamo stati invitati a un buffet offerto dai promotori dell’iniziativa.
Successivamente si è svolta la premiazione in cui abbiamo saputo quale fosse il libro che aveva vinto: “Cenere di Jonathan Auxier”, Mondadori ”.
Di questa vittoria sono stata particolarmente felice poiché io stessa avevo votato “Cenere”.
La piacevole serata si è conclusa con il concerto del gruppo musicale degli “Acquarama”.
Ritornando in albergo mi sono sentita veramente felice e gratificata.

05 settembre 2021

Oggi, cinque settembre, dopo un’abbondante colazione, la mia tabella di marcia mi impone di recarmi alla biblioteca comunale di Firenzuola per partecipare a un laboratorio dal titolo “Laboratorio dall’idea al libro” curato da Elena Carloni della Giunti Editore. Sono veramente curiosa e interessata…
Il laboratorio è stato molto coinvolgente poiché hanno spiegato e illustrato tutte le fasi di un libro, dalla stesura alla pubblicazione. L’incontro non era rivolto solo a noi ragazzi infatti erano presenti anche degli adulti.
Nel tardo pomeriggio, prima di salutarci, ci siamo dati appuntamento a un piccolo ristorantino rinomato per le sue piadine.
Nel consumare un “quick lunch” ho fatto amicizia con delle ragazze provenienti da alcune regioni dell’Italia settentrionale che facevano parte di altri gruppi di lettura: mare di libri, leggere ribelle e capitan uncino.
Dopo il pranzo ci siamo salutati e ognuno di noi ha raggiunto la propria famiglia per tornare a casa.
Ringrazio ancora il Festival Storie in Cammino che mi ha accolta con affetto e tutte le persone che mi hanno permesso di partecipare a questa splendida avventura. In particolare Filomena Grimaldi, la mia insostituibile libraja.


Facebooktwitterpinteresttumblrmail

La paura fa crescere? Corso di formazione con Lodovica Cima


Mercoledì 29 gennaio 18.30
presso la Scuola Media di Telese Terme, Via Turistica del Lago, 18

Corso Di Formazione per insegnanti
primaria, medie, superiori

ISCRIZIONE NECESSARIA
entro giovedì 24 gennaio presso Libreria Controvento 3273338694

Costo € 20 a insegnante

Sarà rilasciato attestato di partecipazione

DETTAGLI DEL CORSO

LA PAURA FA CRESCERE? 
Analisi di un’emozione, La paura e il coraggio.
Strategie per gestire la paura: nei bambini e negli adolescenti

L’approccio della letteratura: i vantaggi per i ragazzi

La scrittura di paura:I generi, I percorsi di lettura
Esempi e proposte

LODOVICA CIMA
Nasce a Lecco, ma vive e lavora a Milano. È laureata in Letteratura italiana comparata alla Letteratura inglese, oltre che maestra elementare.
Da 30 anni lavora nell’editoria per ragazzi, dapprima come redattrice e poi, dal 1996 come autrice/progettista e consulente editoriale. Ha pubblicato più di 200 titoli. Ha creato e diretto per nove anni la collana di narrativa per ragazzi “LA GIOSTRA DI CARTA” per Bruno Mondadori Editore. È stata consulente alla direzione editoriale di Taffimai, un editore digitale per bambini che pubblica in 5 lingue. È stata formatrice presso la società Langue et Parole.
È coordinatrice dell’Area Ragazzi del Gruppo Editoriale San Paolo.
Dirige la collana Tandem e la collana Mi Piace non mi piace per Editrice Il Castoro. È direttrice editoriale della casa editrice per ragazzi Pelledoca.
Tiene corsi di aggiornamento per insegnanti, incontri con bambini, ragazzi e genitori nelle scuole, incontri di lettura animata anche per bambini della scuola dell’infanzia.
Insegna da 16 anni al Master per L’Editoria istituito dall’Università degli studi di Milano e dalla Fondazione Alberto e Arnoldo Mondadori.Facebooktwitterpinteresttumblrmail

Chiusura per ferie

La libreria sarà aperta fino a sabato 1 settembre con l’orario estivo

lunedì chiuso
–dal martedì al venerdì 9 – 13 16.30 – 20.30
–sabato 10-13 16.30 – 20.30
domenica chiuso

Riapriremo con orario invernale venerdì 14 settembre
lunedì chiuso
–dal martedì al venerdì 9.30 – 13  16 – 20
–sabato 10 -13 – 13    16 – 20
domenica chiusoFacebooktwitterpinteresttumblrmail

Gruppi di lettura 2018/2019

Gli incontri dei gruppi di lettura si tengono una volta al mese in libreria da settembre a giugno. E’ necessario iscriversi.

Qui l’elenco dei gruppi di lettura attivi:
-adulti
-inglese -si legge a casa il libro in inglese ma la conversazione è in italiano, qui altri dettagli 
-3/5 anni con genitori
-prima elementare con genitori
-seconda e terza elementare con genitori
-quarta e quinta elementare
-scuola media
-insegnanti scuola primaria
-insegnanti scuola media e superiore

Gli incontri riprenderanno a settembre 2018.

Per iscrizioni e informazioni invia un messaggio whatsapp al numero 3273338694 indicando: nome, cognome e gruppo a cui si è interessati.Facebooktwitterpinteresttumblrmail

ORARIO DI NATALE

sempre aperto
9.30 – 13    16 – 20
da lunedì 11 dicembre a giovedì 21

22 – 23 – 24 orario continuato

chiuso 25 e 26

da mercoledì 27 a sabato 30
9.30 – 13    16 – 20

chiuso 31 e 1

da martedì 2 a venerdì 5 gennaio
9.30 – 13    16 – 20

sabato 6 gennaio: aperto solo la mattina

chiuso per riposo 🙂
da sabato 6 pomeriggio a mercoledì 10 compreso

 

Facebooktwitterpinteresttumblrmail

Recensione “Anna sta mentendo”

Anna sta mentendo
di Federico Baccomo, ed. Giunti 2017
recensione a cura di
Carmela Palmieri
del gruppo di lettura ragazzi

Anna sta mentendo” è un romanzo contenente una morale difficile da individuare: sai che c’è, ma più la cerchi e meno riesci a individuarla.

Di primo impatto la morale sembra essere “Non bisogna mentire, è sbagliato”. Ma è davvero questa?

Man mano che andremo avanti con il romanzo avvertiremo una specie di “rigetto” nei confronti della tecnologia.
Il libro, infatti, incentrato inizialmente sulla menzogna ha una funzione latente: sottolineare quanto la tecnologia crei dipendenza e intralci la nostra vita.
Riccardo, infatti, capirà il vero valore dei legami affettivi e del mondo che lo circonda solo dopo aver disinstallato “WhatsTrue” e aver smesso di preoccuparsi di chi potrebbe mentirgli.

Questo romanzo è strutturato in modo impeccabile, frutto della sicurezza e della bravura dell’autore.
Federico Baccomo, infatti, trascina i personaggi e noi lettori in un vortice di menzogna.
Il libro non segue solo le vicende relative all’applicazione “WhatsTrue” e le reazioni di Riccardo al riguardo, anzi, segue Riccardo in ogni sua azione quotidiana in modo da esporci pian piano nel corso del romanzo tutte le sfaccettature caratteriali del protagonista.

Lo stile è lineare ma con un vocabolario molto ricco che non risulta fuori luogo anche se inserito in un contesto prettamente quotidiano.
Un elemento molto particolare di questo libro sono gli interventi dell’autore scritti tra parentesi, con lo scopo di chiarire qualche concetto dato per scontato dal protagonista.

Inoltre, vi sono anche alcune digressioni di un paio di pagine volte a chiarire concetti leggermente più complessi, come il compito della società per cui lavora Riccardo,elemento fondamentale nel corso del romanzo.
Queste digressioni sono allietate da alcune espressioni come “l’autore chiede al lettore un pochino di pazienza prima di tornare alla nostra storia”,dalle quali traspare una leggera ironia e, inoltre, conferiscono una certa originalità al romanzo.

Ho veramente apprezzato questo libro e, infatti, merita 4.5/5 stelle.

Alla prossima recensione!
Carmela
Facebooktwitterpinteresttumblrmail